Laboratorio Immaginazione Attiva

No Comment Yet

Laboratorio Immaginazione Attiva

Laboratorio di pratica di immaginazione attiva ed esperienze espressive integrate

Nell’ambito delle attività culturali, di ricerca, cura e formazione di Kárabos – Laboratorio itinerante

 

Il Laboratorio Immaginazione Attiva è a cura di Daniela Bucelli

 

Ho costituito questo “Laboratorio Immaginazione Attiva” per introdurre ciascun partecipante, in modo facilitato ma analitico, all’immaginazione attiva .

Marie Louise Von Franz ( Marie Louise Von Franz,in “Rivista di psicologia analitica”, n 17 /1978, Marsilio Editore.), scrive che la tecnica dell’Immaginazione attiva reale è un metodo specifico che si distingue da altre tecniche e forme immaginative. In base alle sue esperienze dirette con C.G: Jung, M.L. Von Franz osserva che l’“Imaginatio phantastica” è in contrasto con ’Imaginatio vera” (Ibidem, p.76), è possibile descrivere il processo di immaginazione attiva in quattro fasi; le prime due, l’attività onirica, la réverie e i sogni, rientrano ancora in un processo fantastico passivo (fantasie passive), un atteggiamento ricettivo attraverso il quale è possibile accogliere il mondo delle immagini interne, così come esso si presenta, con una sorta di neutralità e molta dose di onestà; quindi usare un confronto reale con le immagini dell’inconscio.

L’atteggiamento etico è un punto saliente della fase attiva della imaginatio, pertanto l’Io che immagina è un Io “reale” e si confronta attraverso azioni immaginative, proprio come le compierebbe anche nella realtà, entrando in relazione e in dialogo con il corpo attraverso vari medium materiali,scrive Humbert:

 

“dire qualcosa a qualcuno è già augurabile, ma la cosa migliore è cercare una forma in cui la materia e il corpo siano implicati “ (E.Humbert, I tre verbi dell’immaginazione attiva, in “Rivista di psicologia analitica”, n 17 /1978, Marsilio Editore, p.94.).

 

Humbert indica tre verbi, tre attività psichiche, che articolano il processo di immaginazione attiva (4) e che costituiscono per lui struttura della seduta analitica:

  • Geschehenlassen = lasciar fare;
  • Betrachten= considerare;
  • Sich auseinanderstzen= spiegarsi con.

 

E’ necessario considerare che non tutti gli autori junghiani che utilizzano l’immaginazione attiva sono in accordo e praticano alla lettera tutti i punti indicati da M. L. Von Franz. Rimando all’esperienza diretta dell’immaginazione attiva , alla pratica da cui  si ha molto d’apprendere:  solo chi la pratica la comprende.

Il metodo  dell’Immaginazione attiva è  ancora  realmente  poco conosciuto  in Italia , soprattutto poco praticato  anche fra gli addetti ai lavori.   Provenendo da diverse aree di formazione (www.danielabucelli.net),   ho voluto imprimere  alla pratica del laboratorio  un carattere  più  ispirato e vicino allo spirito di C.G. Jung (vedi Il Libro Rosso), e offrire ali più grandi alla tradizionale    immaginazione attiva narrata attraverso le parole.

Dunque “amplificando” l’esperienza attraverso l’uso di modalità espressive ispirate all’arte, alla letteratura, ma anche alla spiritualità, implicando maggiormente   il corpo e la materia. Ma sempre dosando e  misurando,  con sapienza “alchemica”,  il rapporto tra espressione e immaginazione, lasciando aperto  il dialogo fra le parti in gioco.

(Gli errori in cui in genere si incorre riguardano, infatti, l’elaborazione delle immagini: ricercare  subito troppa forma uccide il contenuto come nell’arte; ma anche l’abbozzarla solo disordinatamente il contenuto fantastico , come il ricorrere subito al significato. Non bisogna mai dimenticare che la finalità è il contatto con la realtà interna e non con la realizzazione della sua replica).

Sperimentiamo così uno spazio di  elaborazione  più ampio,che tocca l’area non verbale dell’esperienza, uno spazio ricco di possibilità creative e dunque terapeutiche. D’altra parte questo laboratorio è propedeutico di un percorso più allargato ed organico di cui presto metterò in rete il programma.

 

Il Laboratorio Immaginazione Attiva si svolge nell’ambito delle attività culturali, di ricerca, cura e formazione di Kárabos – Laboratorio itinerante: Via Germanico, 96 – 00192 Roma.

(Daniela Bucelli, Luciana De Franco, Giancarlino Benedetti Corcos, Adelaide Innocenti).

 

Il Laboratorio Immaginazione Attiva si svolge a Roma nel quartiere Prati, nei seguenti giorni: lunedi, mercoledì e venerdi (orari da concordare).

 

Locandina del Laboratorio di Immaginazione Attiva

 

Cerca altri psicologi, psicoterapeuti e psicoanalisti a Roma

admin

Author

admin

Up Next

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *