Convegno Lavarone 2020 “In gioco”

No Comment Yet

Convegno Lavarone 2020 “IN GIOCO”

Convegno Lavarone 2020 (TN).  26- 29 giugno 2020

Centro Studi Gradiva – LE FRONTIERE DELLA PSICOANALISI

L’esperienza culturale comincia con il vivere in modo creativo
ciò che in primo luogo si manifesta nel gioco.
(D.W. Winnicott, 1971)

Il gioco è il modello genetico dell’attività creativa che, con la mediazione della fantasia, fonda la relazione fra l’uomo e la realtà. Prima modalità di esplorare e conoscere il mondo in cui viviamo, strumento vitale di crescita, diventa fondamento della cultura, dell’arte, della scienza e della religione.
Il filosofo Eraclito pensava al tempo, associato allo scorrere della vita, come a un fanciullo che gioca muovendo le tessere di una scacchiera.
Questa immagine evoca quella del bambino descritto da Freud che, facendo sparire e riapparire un rocchetto, padroneggia l’esperienza dolorosa della separazione dalla madre mediante il movimento e il ritmo.
Le due rappresentazioni sono esempi delle molteplici configurazioni che il gioco ha assunto nel corso dei secoli fino ad oggi e delle sue implicazioni in tutti gli ambiti della nostra esistenza, delle nostre dinamiche interne e delle relazioni con gli altri.
Il mettersi in gioco può avere modalità e conseguenze, tuttavia, non sempre e solo positive, quando, per esempio, è puro azzardo o diventa dipendenza.

L’espressione “in gioco”, che dà il titolo a questa edizione del Convegno “Le frontiere della psicoanalisi”, rimanda all’idea del coinvolgimento con cui vogliamo invitare i relatori e il pubblico a cimentarsi insieme nell’esplorare questa attività molto seria, fonte di piacere e dispiacere, che riguarda tutte le età della vita, spaziando dal singolo individuo alla società, dal reale al virtuale, dal vivere quotidiano all’arte fino alla specificità della psicoanalisi in cui due persone si mettono in gioco insieme.

Programma del CONVEGNO LAVARONE 2020 “IN GIOCO”

Venerdì 26 giugno – Centro Congressi

Ore 18.00 Presentazione del libro di Nicoletta Gosio “Nemici miei. La pervasiva rabbia quotidiana” (Einaudi, 2020)
Modera: Alberto Schön
Discutono con l’autrice e con il pubblico Simona Argentieri e Geni Valle

Sabato 27 giugno – Centro Congressi

8.30 Registrazione dei partecipanti

9.30 Saluti delle autorità

9.45 Apertura dei lavori: Alberto Schön

Prima sessione

Modera: Simona Argentieri

10.00 Stefano Bartezzaghi (semiologo, scrittore, giornalista) “Chi vince non sa cosa si perde”

Discussione con il pubblico

11.15 Pausa caffè

11.45 Marina D’Amato (sociologa) “Gioco e giocattoli come rappresentazioni del mutamento”

Discussione con il pubblico

13.00 Pausa pranzo

Seconda Sessione

Modera: Antonio Scaglia

15.15 Mario Rossi Monti (psicoanalista SPI) “Giochi di società”

Discussione con il pubblico

16.30 Rossana Buono (storica dell’arte) “L’arte in gioco”

Discussione con il pubblico

17.45 Conclusione dei lavori

Sala Esposizioni del Municipio

18.00 Inaugurazione della Mostra Antologica di Ferdinando Scianna “In gioco”

Cinema Dolomiti

21.00 Proiezione del film “Takara – La notte che ho nuotato”, di Damien Manivel, Kohei Igarashi (Francia, Giappone, 2017, 79’). Ne discute con il pubblico Elisabetta Marchiori

Domenica 28 giugno – Centro Congressi

Terza Sessione

Modera: Daniela Federici

9.30 Carlo D’Amicis (scrittore) “Il vizio del gioco, il gioco del vizio”

Discussione con il pubblico

10.45 Manuela Trinci (psicoterapeuta infantile) “Puer ludens: intrecci di storie e teorie nei luoghi della cura”

Discussione con il pubblico

Consegna del “Premio Gradiva – Lavarone”

12.30 Conclusione dei lavori

Lunedì 29 giugno – Sala della Biblioteca

IL PIACERE DI LEGGERE

9.30 Incontro con Emanuela Bussolati “Il libro gioco: un linguaggio per mettersi in relazione con i più piccoli e avvicinarli alla lettura di segni, immagini, cadenze”

12.00 Pausa caffé

12.15 Incontro con Manuela Trinci “Cerotti in rima”

13.00 Pausa pranzo

14.30 Laboratorio con Emanuela Bussolati “Il libro gioco: dimensioni, spazio, materiali, sorprese, utilizzi, progetti”.

Il laboratorio è a numero chiuso ed è richiesta l’iscrizione.

La partecipazione alle attività del Congresso è gratuita e aperta a tutti.

Presidente Centro Studi Gradiva: Antonio Scaglia

Comitato scientifico: Simona Argentieri, Daniela Federici, Elisabetta Marchiori, Alberto Schön (Segretario Scientifico), Manuela Trinci, Geni Valle

Segreteria organizzativa: Morena Bertoldi

L’iniziativa è organizzata dal Centro Studi Gradiva.

In collaborazione con: Comune di Lavarone, Biblioteca “Sigmund Freud” di Lavarone, Fondazione Museo storico del Trentino, Azienda per il Turismo Folgaria Lavarone Luserna, Ufficio per il Sistema Bibliotecario Trentino e la Partecipazione Culturale
Con il contributo di: Provincia autonoma di Trento, Regione autonoma Trentino Alto Adige, B.I.M. del Brenta, Cassa Rurale Vallagarina
Con il patrocinio della Società Psicoanalitica Italiana

Per informazioni e iscrizioni: Morena Bertoldi

Biblioteca: “Sigmund Freud”

Tel: 0464 783832

Mail: lavarone@biblio.infotn.it

Facebook: @lefrontieredellapsicoanalisi

admin

Author

admin

Up Next

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *