Cinema e adolescenza

No Comment Yet

Cinema e Adolescenza

Al cinema Lux di Padova la rassegna di Cinesguardi “Cinema e adolescenza. Diventare grandi, restare vivi”

CINEMA LUX PADOVA – Mercoledì 10 Ottobre

Mercoledì 10 ottobre alle 21 presso il cinema Lux prenderà avvio la rassegna di Cine-sguardi, “Cinema e adolescenza. Diventare grandi, restare vivi”, con la proiezione del film “Cuori puri” del regista romano Roberto De Paolis, che sarà presente in sala per incontrare il pubblico. La rassegna ha il Patrocinio del Comune di Padova.

La stessa data coincide con la giornata che l’Organizzazione Mondiale per la Sanità dedi-ca quest’anno alla salute mentale dei giovani, focalizzando l’importanza di questo tema.
L’adolescenza e i primi anni dell’età adulta sono caratterizzati da importanti cambiamenti nella direzione di un’identità e un’autonomia personali, quindi sono tempi in cui il giovane incontra molti stimoli ma anche difficoltà, per le quali occorre adeguata attenzione. Si tratta di un passaggio evolutivo che può riservare anche disagi emotivi e psichici che dobbiamo essere pronti a conoscere e ad affrontare come genitori, ma anche in quanto educatori e terapeuti. I ragazzi stessi dovrebbero disporre di spazi e occasioni adeguati di espressione e riflessione e anche per loro il cinema può rappresentare un’occasione straordinaria di riconoscere le loro questioni esistenziali, e quindi di parlarne, senza dover ricorrere all’esposizione personale.

 

I curatori della rassegna “Cinema e Adolescenza”

I curatori Ezio Leoni (critico cinematografico), Elisabetta Marchiori (psichiatra e psicoanalista), Chiara Pinton (esperta di letteratura per ragazzi) e Lenio Rizzo (neuropsichiatra e psicoterapeuta) propongono una serie di otto film che fanno emergere diverse questioni relative al tema dell’adolescenza sulle quali il pubblico è invitato a discutere e confrontarsi, facendo quindi convergere anche le ottiche più diverse. Denis Brotto, esperto di cinema dell’Università di Padova, sarà ospite straordinario in alcune serate

 

L’idea di partenza è che cinema, letteratura e psicoanalisi siano accumunati dalla capacità di rivolgere i loro sguardi verso aspetti della realtà che ci circonda e del nostro mondo interno aprendo prospettive inaspettate, stimolando la creatività e il confronto con l’altro, permettendo talvolta di scoprire parti di sé sconosciute, proprio come accade in adolescenza. Attraverso la sinergia di immagini e parole, questa serie di incontri si propone agli “spettatori” come un percorso per comprendere, attraverso storie diverse, come ragazzi e ragazze possano avanzare con curiosità, impeto e incertezza verso l’età adulta senza nulla perdere della loro vitalità. È importante che dove si attua la sfida dell’adolescente che cresce ci sia un adulto – e questa è la proposta degli organizzatori – ad accoglierla nella sua complessità e nelle sue sfaccettature. .

 

Il programma della rassegna “Cinema e Adolescenza”

Il programma completo prevede il 24 ottobre “L’Atelier” (2017) di Laurent Cantet, il 7 no-vembre “Quando hai 17 anni” (2016) di André Téchiné, il 21 novembre “My name is Emily” (2015) di Simon Fitzmaurice, il 5 dicembre “Disconnect” (2012) di Henry Alex Rubin, il 9 gennaio “L’onda” (2008) di Dennis Gansel, il 23 gennaio “Un sacchetto di biglie” (2017) di Christian Duguay, il 6 febbraio “Noi siamo infinito” (2012) di Stephen Chbosky.

 

La locandina è scaricabile su www.movieconnection.it

 

Per informazioni cinesguardi@gmail.com

admin

Author

admin

Up Next

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *