Cineforum adolescenti Roma

No Comment Yet

Cineforum adolescenti  Roma

Psicologicamente, lo schermo cinematografico, più del palcoscenico teatrale, offre allo spettatore uno spazio fittizio che ha tutte le caratteristiche della realtà.

“Il cinema presenta, il teatro rappresenta. Si tratta di un sentimento di realtà affettiva, non tangibile, che rammenta quella sperimentata nei sogni […]
La rappresentazione cinematografica del tempo e dello spazio colloca lo spettatore in un mondo immaginario, fuori dalla realtà e dalla vita umana. L’evoluzione storica del linguaggio cinematografico (ritmo, tipo di inquadrature, montaggio, colore, sonorizzazione, elettronica, ecc.) modifica, nel tempo, le abilità percettive dello spettatore […]

La vicenda cinematografica realizza la sua influenza psichica attraverso due meccanismi fondamentali.

  • Da una parte la “proiezione”, ovvero quel processo per cui si attribuiscono agli attori idee e aspirazioni che sono nostre, anche se non realizzate.
  • D’altra parte la “identificazione”, con cui lo spettatore assimila l’aspetto e i sentimenti dei protagonisti dello schermo. L’identificazione può essere così intensa da indurre gli spettatori, soprattutto se giovani, a imitare, anche nella vita, gli atteggiamenti e l’abbigliamento dei loro idoli.

Gli effetti sul pubblico di questi meccanismi psicodinamici sono essenzialmente due: la catarsi e la suggestione. Il termine catarsi è una parola greca che significa “purificazione”. In psicoterapia, il metodo catartico persegue, appunto, l’effetto di una “purificazione” attraverso una adeguata scarica, o abreazione,  degli affetti patogeni.

Per suggestione si intende, invece, il processo mediante cui una persona viene influenzata al punto da accettare altrui idee, credenze o modi di pensiero.

E’ stato osservato come l’elemento suggestivo sia una componente essenziale del fenomeno ipnotico. La forza suggestiva del film viene esaltata dalla situazione della sala; al buio, come durante il sonno, quando il contatto fisico con l’ambiente  è limitato e la persona si trova in una situazione comoda e confortevole. Con l’attenzione concentrata sullo schermo, in virtù di molteplici processi psichici e fisiologici, lo spettatore si trova in una situazione di “rilassamento paraonirico”; qualcosa di analogo, sia pur lontanamente a quello che sperimentiamo nel sogno”

 Tratto da Psicoanalisi, Psicologia e Cinema

Cineforum per ragazzi a Cineforum Francesca Balanti

 

Il CINEFORUM adolescenti  Roma  che proponiamo è una sorta di  viaggio nel mondo degli adolescenti con loro e per loro.

Uno spazio divertente di condivisione e socializzazione tra pari, che ha come obiettivo quello di prendersi cura del proprio sviluppo personale e sociale, di accrescere la propria autostima e sentirsi “bene nella propria pelle”.

Timonieri di questa avventura, saranno le psicologhe e psicoterapeute Francesca Ballanti e Nadia Izzo, che da anni collaborano insieme con e per i ragazzi e ragazze, secondo due modelli teorici di prevenzione e promozione della salute: l’Educazione Psicoaffettiva e la Cineterapia.

4 incontri nei quali, dopo la visione dei film, ci sarà spazio per il  confronto e la discussione “a caldo”, per raccogliere in maniera del tutto spontanea  le impressioni dei ragazzi e delle ragazze nel loro ruolo di spettatori.

Le proiezioni avverranno presso lo STUDIO PREMUDA, sito in via Premuda 4, Metro Ottaviano o Cipro, e l’incontro avrà una durata di tre ore, dalle 15:30 alle 18:30.

Sarà  possibile partecipare alle singole proiezioni ad un costo di 10 euro, o in alternativa acquistare l’abbonamento ai quattro incontri ad un costo di 30 euro.

Date degli incontri del Cineforum Adolescenti Roma

Sabato 28 Marzo     Sabato 16 Maggio     
Sabato 6 Giugno      Sabato 20 Giugno   

 

A cura di

Dr.ssa Francesca Ballanti
Psicologa Psicoterapeuta
Via Premuda, 4 (zona P.le Clodio)
Tel. 347.0558660

 

 

admin

Author

admin

Up Next

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *